Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Sa Stiddiosa

Su nùmene “sa Stiddiosa” benit dae sa paràula “istìddiu”, chi cheret nàrrere “gùtiu”. Semus in Seulu, a làcana cun su sartu de Gadone. In custu logu tocadu dae sa manu de Deus dae un’artana de roca lìsia e rea subra su Flumendosa nde falat a lenu a lenu s’abba de una funtana càrsica.

Non semus a de in antis a un’istrampu istripidosu e fogaritzu. Inoghe tantu pàsida est sa faladòrgia de sos trainos chi bulliant dae s’intragna de su monte chi paret proende, in una temporada benigna. Sa fache de sa gutiadòrgia si caraterizat pro sa presèntzia de prantas idròfilas (Adiantum capillus Veneris L.) chi mudant sa ghetada de unu birde intensu. Paret de èssere in unu contu de fadas.

A suta de su sàrtiu, che una pedra pretziosa lughet una pischina de ismeraldu, in ue in su tempus callente si bi podet bagnare. Pro lòmpere a sa Stiddiosa tocat de imbucare cun sa vetura un’istrada bianca – longa bastante –  e finida custa de sighire a pee, pro unu chilòmetru. Es pretzisu de si pònnere iscarpas de trekking. Su camminu, tentu contu, protzedit a cara a bassu reu reu, intre matas de olidone (Arbutus unedo) e de aladerru (Phyllirea Latifolia).

A fundu de totus, a treghentos metros subra de su livellu de su mare, cumparet in s’ermosura sua sa Stiddiosa. Pro veridade s’andanta est un’a cantu matanosa – màssimu in su pigare –  ma sa fadiga est bene pagada dae sa vista de custu ispetàculu de sa natura.

Una Sardigna cuada, totu de iscobèrrere.

 

A incuru de Antoni Flore

 

sa stiddiosa x



Condividi l'articolo: Condividi

Cerca

Seguici sui nostri canali

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

Festival Morròculas

morroculas

Con la cultura si possono fare grandi cose

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • San Pietro del Crocefisso - o delle Immagini (Bulzi)

    Risalente al secolo XII, in stile romanico, la chiesa è nota anche con il nome di San Pietro delle Immagini probabilmente per via di un gruppo ligneo duecentesco della Deposizione di Cristo dalla...

  • Museo civico archeologico "Giovanni Marongiu" (Cabras)

    Il museo custodisce importanti testimonianze del territorio, dalla Preistoria al Medioevo: materiali provenienti dall’insediamento di Cuccuru is Arrius, dalla città di Tharros e dal relitto romano...

  • Museo deleddiano (Nuoro)

    Il museo è dedicato a Grazia Deledda, unica donna italiana ad avere ricevuto il premio Nobel per la letteratura, nel 1926, e ha sede nella sua casa natale di cui conserva mobili e cimeli. Manoscritti,...

  • Museo la Stazione dell’Arte Maria Lai (Ulassai)

    La Stazione dell’arte è il punto di arrivo dell’ambizioso progetto che l'artista Maria Lai e il paese di Ulassai hanno coltivato per oltre un trentennio. Il museo d'arte contemporanea custodisce la...

  • Museo Nivola (Orani)

    Nato nel 1995 nell'antico lavatorio del paese, il museo è dedicato alla figura di Costantino Nivola, uno degli artisti sardi più importanti del Novecento. La collezione permanente raccoglie oltre...

Dal nostro archivio

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Scarica Àndala App

Android apk download