Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Festival Morròculas 2022, Monia Satta

310556101 5610243059021240 3956462394620926322 n

Oggi vi presentiamo Monia Satta, che curerà gli incontri pedagogici rivolti agli adulti: genitori, insegnanti, formatori, educatori, assistenti sociali, ludotecari, bibliotecari e agli interessati all'argomento.
Laureata in Pedagogia e con un Master in Progettazione Europea, Monia è socia dell’Associazione Italiana Progettisti Sociali.
Si occupa da vent’anni di promuovere percorsi educativi in ottica Lifelong Learning. Collabora con INIDRE, con l’Università di Bolzano e con diverse realtà del Terzo Settore tra cui il Comitato italiano per l’UNICEF, diversi Enti Locali, Biblioteche e Scuole di ogni ordine e grado.
È socia fondatrice e presidente dell’Associazione Akròasis aps.
Ecco gli incontri pedagogici che Monia terrà nelle tre tappe del festival Morròculas:
- a Banari, “EDUCARCI PER EDUCARE. Essere Comunità Educante oggi”.
L’incontro affronta il tema dell’importanza di essere comunità educante per affrontare le principali sfide educative dei genitori di fronte alla complessità della società contemporanea.
- A Mara, “BAMBINI E DIGITALE – Tra rischi ed opportunità educative”.
L’incontro affronta il tema dell’utilizzo degli strumenti digitali, del web, dei social network, degli smartphone da parte dei bambini.
- A Cheremule, “LEGGERE PER CRESCERE – La lettura come strumento educativo”.
Il tema dell’incontro intende esplorare la lettura e la letteratura per bambini e ragazzi come strumento pedagogico in grado di supportare l’azione educativa delle famiglie.


Condividi l'articolo: Condividi

Seguici su WhatsApp e Telegram

Unisciti ai nostri canali WhatsApp e Telegram per ricevere gli aggiornamenti di Àndala noa (Info)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Museo Nivola (Orani)

    Nato nel 1995 nell'antico lavatorio del paese, il museo è dedicato alla figura di Costantino Nivola, uno degli artisti sardi più importanti del Novecento. La collezione permanente raccoglie oltre...

  • Museo del giocattolo tradizionale della Sardegna (Ales)

    Il museo si propone di diffondere la cultura del gioco nel mondo agropastorale attraverso l’esposizione dei giocattoli “fatti in casa”, costruiti con i soli materiali che l’ambiente circostante...

  • Museo casa Deriu (Tresnuraghes)

    L’edificio che ospita il museo è conosciuto come casa Deriu, dal nome del suo ultimo proprietario. Conserva al suo interno parte degli arredi originali lasciati dagli antichi proprietari e una...

  • Basilica di San Simplicio (Olbia)

    Sorta sulla sommità di una collina di fronte alla stazione ferroviaria di Olbia, in corrispondenza dell'antica necropoli romana, la chiesa fu costruita tra la fine dell'XI e la metà del XII secolo....

  • Museo deleddiano (Nuoro)

    Il museo è dedicato a Grazia Deledda, unica donna italiana ad avere ricevuto il premio Nobel per la letteratura, nel 1926, e ha sede nella sua casa natale di cui conserva mobili e cimeli. Manoscritti,...

Dal nostro archivio

Con la cultura si possono fare grandi cose

Seguici sui nostri canali

Scarica Àndala App

Android apk download

Cerca nel sito