Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Tiesi: intrende in sa festa cun màndigos e càntigos

TIESI. Sa festa de Seunis est a proa a comintzare. Ma in antis de issa sa Pro Loco at organizadu duos addòbios de importu pro mantènnere bia sa traditzione tiesina in duos cuntestos diferentes, mancari chi ligados a pare: su màndigu e su càntigu.

Mèrcuris su 3 de cabudanni est su die de sos “Macarrones a ferritu”, sos chi si faghiant in istiu, a mesaustu e a Nostra Segnora, paris cun sos cicioneddos. In antis los cundiant cun bagna de puddighinu. Pro los ammaniare sa Pro Loco at detzisu de impitare su trigu sardu Capelli. A pustis de s'assàgiu at sighire sa chena (a sas 8 de sero in sa sede de sa Pro Loco).

Sàbadu su 6, imbetzes, at a èssere presentadu su discu chi at a regollire totus sos "Cunsonos de Tiesi". Cunsonu (che a Cuntratu in Sèneghe, Taja in Àggju, Hussertu in Mamujada e Cuncordu in Fonne) est su nùmene locale pro su tenore. In Tiesi sos cunsonos sunt su “Tiesinu”, su “Santu Juanne” e su “Nostra Segnora de Seunis” e totus cantant sa chi est una particularidade chi niune àtere faghet: est a nàrrere sa “maestralina”, chi in su cd at a èssere presente finas in una versione pesada dae Andria Nìnniri. In s'addòbiu (chi at a comintzare a sas 6 de sero in sa sala Sassu) b'ant a èssere finas sos de Àggju e de Sèneghe chi ant a faeddare de sos modos de cantare issoro. S'at a faeddare de assimìgios e diferèntzias intre "maestralina" tiesina e "istudiantina" seneghesa. Su discu at a èssere presentadu dae s'espertu Andria Deplano e Pàulu Pillonca at a faeddare de su ligòngiu intre càntigu a tenore e poesia.



Condividi l'articolo: Condividi

Seguici sui nostri canali

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

Festival Morròculas

morroculas

Con la cultura si possono fare grandi cose

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Museo Nivola (Orani)

    Nato nel 1995 nell'antico lavatorio del paese, il museo è dedicato alla figura di Costantino Nivola, uno degli artisti sardi più importanti del Novecento. La collezione permanente raccoglie oltre...

  • Area archeologica di Tharros (Cabras)

    L’antico insediamento di Tharros sorge all’estremità della penisola del Sinis. La città fu fondata dai Fenici verso la fine dell’VIII secolo a.C. e venne abbandonata attorno all’anno 1050 d.C. per...

  • Anfiteatro Romano di Cagliari

    Realizzato tra la fine del I e l'inizio del II secolo d.C., scavando nella roccia, rappresenta il più importante monumento di età classica esistente oggi in Sardegna. In origine aveva un perimetro di 120...

  • Museo civico archeologico "Giovanni Marongiu" (Cabras)

    Il museo custodisce importanti testimonianze del territorio, dalla Preistoria al Medioevo: materiali provenienti dall’insediamento di Cuccuru is Arrius, dalla città di Tharros e dal relitto romano...

  • Sardinia Radio Telescope (San Basilio)

    Il Sardinia Radio Telescope (SRT) rappresenta un gigantesco cacciatore di sorgenti radio spaziali di 64 metri di diametro, alto come un palazzo di 20 piani (70 metri). Costruito nella località Pranu...

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

Scarica Àndala App

Android apk download

Cerca nel sito

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Dal nostro archivio