Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina



Meilogu: unu logu de mesania

S’atestatzione prus antiga de su corònimu Meilogu s’agatat in su Condaghe de Santu Pedru de Silki. In s’ischeda 395 de custu registru patrimoniale leghimus: «Ego abatissa Teodora de Silki cambiai cun su priore de Seue Paganellu: ego li dei ad isse a Jorgia Thana, et isse deitimi a mimi a Maria Tamuri fiia de Ithoccor Tamuri dandenos a boluntate de pare unuchis parthone issoro. Testes, donnu Comita de Serra curatore de Frussia, armentariu meu et suo, et donnu Mariane Pinna curatore de Meiulocu , et Ithoccor Casu de Thathari, et preuiteros donnu Petru de Soiu, et donnu Dorgotori de Serra su de Cleu. Testes»

In edade medievale sa curadoria de su Meilogu – presente fintzas in su tratadu de paghe intre Sardos e Catalanos (1388) –  fiat cumposta dae custas biddas: Sauren, Tigesi, Gonnanor, Mores, Giave, Torralba, Borutta, Lachesos, Oppia. Sorres resurtaiat èssere su cabulogu de sa curadoria (Solmi) e sede vescovile (XII sèc.). Cun sa lòmpida de sos Catalanos a Sardigna custu tzentru importante est istadu distrutu e sos abitantes suos obligados a fùere cara a Boruta e a sas biddas probianas.

In su Còdighe de Sorres, iscritu de su de XV sèculos, s’incotrant unos cantos tràgios de cramare custa banda: Mezo Logu, Mezo Logo, Mezu Logu, mentres in s’òpera Corographia Sardiniae de Giuanne Frantziscu Fara (1543-1591) est mentuada ancora sa regio curatoriae Meiloci, parte de sa Diòtzesi de Sorres.

Su topònimu derivat dae sa locutzione latina medius locus, sa chi cheret nàrrere “logu de mesu”, promores ca custu chirru de sa Sardigna nord-otzidentale fiat in sa mesania de su Giuigadu de Turres, istadu sardu de edade medievale.

 

A incuru de Antoni Flore

 

sorres2



Condividi l'articolo: Condividi

Cerca

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

Seguici sui nostri canali

Festival Morròculas

morroculas

Translate

Con la cultura si possono fare grandi cose

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Museo Etnografico Galluras - museo della Femina Agabbadora (Luras)

    Ubicato in una tipica abitazione dell'Alta Gallura, a tre piani, il museo raccoglie ben 5000 reperti raccolti e conservati dalla fine del 1400 alla prima metà del 1900. Qui tutto è stato utilizzato...

  • Orgosolo, paese dei murales

    La Sardegna è la patria del muralismo italiano e Orgosolo ne rappresenta la "capitale". Molti muri delle abitazioni del paese barbaricino ospitano, infatti, ben 150 dipinti che attirano ogni anno...

  • Chiesa di San Nicola (Ottana)

    Eretta su una piccola altura, l'edificio romanico domina l'abitato. Scavi archeologici, effettuati all'interno della chiesa di San Nicola in occasione dei restauri, hanno rivelato la preesistenza di una chiesa...

  • Nuraghe Santu Antine (Torralba)

    Il nuraghe trilobato Santu Antine, chiamato anche sa domo de su re (la casa del re), è uno dei nuraghi più maestosi e importanti della Sardegna. Il nuraghe, edificato durante l'età del bronzo medio...

  • Cittadella dei Musei - Cagliari

    Situata nel quartiere di Castello, la Cittadella dei Musei rappresenta il maggior complesso di arte, storia e cultura della Sardegna. Il polo museale riunisce alcuni tra i piu' importanti tesori...

Dal nostro archivio

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Scarica Àndala App

Android apk download