Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Giave: Ma chie l’at naradu chi sos pitzinnos no ischint iscrìere in sardu?

giave paesaggio

Custa descrtizione l’at fata Andrea unu pitzinnu de dòighi annos de Giave chi partèzipat a su laboratòriu linguìsticu, gioja a borta de die s’est sètzidu e at iscritu in sardu cussu chi est faghende cun su giaju ca in istiu issu andat a l’agiudare in campagna. M’at naradu chi in duos ant tusu  setanta berbeghes, trintachimbe issu e trintachimbe su giaju. Custu deo non potzo ischire finas a cantu potzat èssere beru ma de siguru at imparadu bene comente si faghet e l’at descritu bene meda, ma sa cosa de prus importu est chi l’at iscritu in sardu a sa sola e bene puru. Deo apo solu currègidu s’ortogràfia.

Lucia Sechi

SU TUSÒRGIU

In antis si devet leare sa berbeghe dae subra de s’archile e si devet mantènnere s’anca in bàsciu, posca si ponet sa berbeghe a bentre in artu e si leant totus sas bator ancas, si mantenent cun una manu e cun s’àtera si leat su ligatzu pro li ligare sas ancas. S’ incumintzat a tùndere  dae sa coa posca cando si finit sa coa si tundet s’ischina incumintzende semper dae s’ala de sa coa. Cando si tundet mesa berbeghe si faghet su tugru e sa conca, duncas si girat a s’àtera ala e si faghet s’àtera metade   semper in sa matessi manera. Finidu de tùndere s’ irligat  sa berbeghe e si mantenent sas ancas de in antis cun una manu e cun s’àtera si leant sos  ferros e si tundet su petorru.
Posca s’ iscapat sa berbeghe e si devet pònnere sa lana intro de su sacu.
Intro  de su sacu si remunit sa lana finas de dòighi berbeghes.
Deo  nde apo tusu a sa sola trintachimbe.
 

Andrea

 

 



Condividi l'articolo: Condividi

Seguici su WhatsApp e Telegram

Unisciti ai nostri canali WhatsApp e Telegram per ricevere gli aggiornamenti di Àndala noa (Info)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

    La nascita del museo archeologico di Cagliari risale al 1800, quando il Viceré Carlo Felice, su proposta del Cavaliere Lodovico Baylle, fece allestire in una sala del palazzo Viceregio il Gabinetto...

  • Museo del banditismo (Aggius)

    Il museo nasce con l'intento di trattatare il fenomeno del banditismo in Sardegna senza correre il rischio di mitizzare la figura del fuorilegge e di esaltarne le sue gesta. Il paese di Aggius è...

  • Orgosolo, paese dei murales

    La Sardegna è la patria del muralismo italiano e Orgosolo ne rappresenta la "capitale". Molti muri delle abitazioni del paese barbaricino ospitano, infatti, ben 150 dipinti che attirano ogni anno...

  • Carloforte

    Carloforte è l'unico centro abitato dell'isola di San Pietro, nella punta sud-occidentale della Sardegna. Il suggestivo borgo rappresenta un'isola linguistica ligure, poiché conserva la lingua dei...

  • Parco naturale regionale Molentargius - Saline (Cagliari)

    Il Parco di Molentargius, istituito nel 1999, è una zona umida di valore internazionale tra le più importanti in Europa. Costituisce, infatti, un raro esempio al mondo di ecosistema presente in aree...

Dal nostro archivio

Con la cultura si possono fare grandi cose

Seguici sui nostri canali

Cerca nel sito