Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Nicola Dessì (archeologo) presenta “La preistoria della Sardegna: dalle origini all’età del rame” (edizioni Condaghes) al Festival Morròculas 2021

Banari (SS), 22 ottobre 2021. Il primo ospite del festival “Morròculas” 2021 è stato l’archeologo Nicola Dessì.

Nicola si è formato e specializzato nel settore della Preistoria e della Civiltà Nuragica presso l’Università degli Studi di Cagliari. Ha condotto e partecipato a scavi archeologici in Italia e all’estero, pubblicando diversi articoli a carattere scientifico e divulgativo. Specializzato nel settore dell’archeologia preventiva, lavora con società di ingegneria e architettura ed amministrazioni comunali. Collabora con numerosi istituti scolastici nell’ambito di laboratori di archeologia. Nella tappa di Banari di “Morròculas”, il festival della letteratura per bambini e ragazzi, Nicola ha presentato “La preistoria della Sardegna dal Paleolitico all'Età del rame”, il libro più divertente sulla Preistoria della Sardegna, illustrato da Antonello Angheleddu ed edito da Condaghes.

Ha dialogato con l'autore la seconda ospite del festival, Giuseppina Deligia, storica dell'arte, mamma e blogger... Giuseppina osserva, ascolta, scopre, scrive e racconta la sua Isola ai bambini. Contribuisce così a creare una nuova generazione di sardi più consapevole della propria storia e del proprio patrimonio culturale. Per sapere di più su Giuseppina e sulla sua “missione”, potete consultare il suo blog (e la sua pagina Facebook) bimboinspalla.com



Condividi l'articolo: Condividi

Seguici su WhatsApp e Telegram

Unisciti ai nostri canali WhatsApp e Telegram per ricevere gli aggiornamenti di Àndala noa (Info)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Area archeologica di Tharros (Cabras)

    L’antico insediamento di Tharros sorge all’estremità della penisola del Sinis. La città fu fondata dai Fenici verso la fine dell’VIII secolo a.C. e venne abbandonata attorno all’anno 1050 d.C. per...

  • Necropoli di Sant'Andrea Priu (Bonorva)

    La necropoli a camere ipogeiche di Sant'Andrea Priu è costituita da una ventina di tombe scavate nella roccia. Tre sono le domus de janas importanti e meglio conservate: la Tomba del Capo, la Tomba...

  • Castello di Serravalle o castello Malaspina (Bosa)

    Il castello fu edificato sul colle di Serravalle, sovrastante l'abitato di Bosa, dall'antica famiglia toscana dei Malaspina intorno alla seconda metà del secolo XIII. Nella vasta piazza d'armi si...

  • Tempio di Antas (Fluminimaggiore)

    Dedicato all'adorazione del dio eponimo dei sardi Sardus Pater Babai, il Tempio punico-romano di Antas, restaurato e ricostruito negli anni Sessanta, è risalente al III secolo a.C. È situato in una...

  • Museo casa Deriu (Tresnuraghes)

    L’edificio che ospita il museo è conosciuto come casa Deriu, dal nome del suo ultimo proprietario. Conserva al suo interno parte degli arredi originali lasciati dagli antichi proprietari e una...

Dal nostro archivio

Con la cultura si possono fare grandi cose

Seguici sui nostri canali

Cerca nel sito