Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Sa crèsia e sa festa de Santu Giuanne de Tiesi

A sa crèsia de Santu Giuanne, fraigada in su de XVII sèculos, si lompet dae una iscalinada bella meda chi printzìpiat in finitia de sa carrera Matteotti.

Sa fatzada est simple e presentat unu barcone postu subra su portale e unu campanile a vela. In sa trae de sa gianna si podent lèghere sas paràulas “e ancila dominus”. A s’ala destra b’at chimbe contrafortes chi pro sas diferèntzias chi presentant faghent pensare a su fràigu issoro in tempos diferentes. Si bi podent finas bìdere pedras trabagliadas a “gradina”, tìpica de su perìodu romànicu, custu nos narat chi sa parte de su presbitèriu podet èssere sa prus antiga.

S’ala de intro si presentat a àula cun tres campadas e bòveda a bote, a s’ala destra s’agatant unu barcone e una gianna decorada.

Su pamentu est in lastras de pedras iscuadratas (sos cuadretes). Custa crèsia est sa sola, in Tiesi, chi remunit sos setzidorzos chi current in sos muros.

Sa festa, chi faghent sos bajanos, est su 23,24 e 25 de làmpadas. S’atzendet unu fogarone mannu a in antis de sa crèsia cara a sas bartzas de s’abba chi si b’agatant. Si podet dare chi siat unu ritu pre-cristianu ligadu a su solstìtziu de istiu cun ritos ligados a s’abba e a sa lughe. Sa die de su fogarone si faghet su ritu de su compariu, sos amigos, a còpias de duos, lu brincant muntenzende su cabu de unu muncaloru, fatende unu giuramentu chi durat pro semper. In sas dies de sa festa in prus de sas funtziones religiosas si faghet sa berbeghe a buddidu e cantos a chiterra o gara de poesia ma finas cuntzertos de mùsica moderna pro sos giòvanos.

    



Condividi l'articolo: Condividi

Cerca

Seguici sui nostri canali

Festival Morròculas

morroculas

Translate

Con la cultura si possono fare grandi cose

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Nostra Signora di Castro (Oschiri)

    Eretta alla metà del secolo XII, sorge in un'area che fu un castrum romano che ha dato il nome alla chiesa e alla diocesi di cui fu cattedrale nel Medioevo. Costruita con cantoni ben squadrati di...

  • MAP - Museo archeologico e paleobotanico (Perfugas)

    Ospitato nei locali già in uso per il mercato del bestiame, il museo raccoglie ed espone le testimonianze archeologiche, dal Paleolitico al Medioevo, provenienti da tutto il territorio dell’Anglona. Comprende...

  • Basilica di San Gavino (Porto Torres)

    La Basilica di San Gavino è il monumento romanico più grande della Sardegna e l’unico esemplare progettato a due absidi affrontate. È una delle meraviglie del Romanico sardo e tra le più antiche,...

  • Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (Ozieri)

    Eretto su un colle e circondato da una vasta pianura, l'edificio monumentale, con i suoi dieci metri di altezza, rappresenta una delle più imponenti chiese romaniche della Sardegna. La cattedrale,...

  • Orgosolo, paese dei murales

    La Sardegna è la patria del muralismo italiano e Orgosolo ne rappresenta la "capitale". Molti muri delle abitazioni del paese barbaricino ospitano, infatti, ben 150 dipinti che attirano ogni anno...

Dal nostro archivio

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Scarica Àndala App

Android apk download