Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Sa chita de Buiachesos

Chie fiant sos "buiachesos" de sa Sardigna medievale?

Sa "chita de buiachesos" o "puliacesos" resurtaiat sa bàrdia palatina incarrigada de defensare su palatzu reale e sa persone de su Giùighe-Re. Ischimus chi sa Sardigna de tando fiat partida in bator Giuigados, regnos indipendentes chi aiant sos nùmenes territoriales de Turres, de Arbarè, de Càralis e Gaddura.
Sa paràula "chita" benit da su latinu "citare", chi cheret nàrrere "cramare, mutire, annuntziare".

 

Ma cramare pro ite?

Cada tzitadinu sardu, a su tempus, fiat obligadu a rèndere servìtziu a s'amministratzione istatale. S'òpera prestada podiat tènnere unu caràtere militare (de guàrdia, de oste) o èssere relativu a s'amministratzione de sa giustìtzia (de corona).

S'amparu de sas muras tzitadinas (de guàrdia), sas mudas de s'esèrtzitu giuigale (de oste), sa partetzipatzione a sas coronas assembleares in calidade de giuradu (de corona) fiant unu faina colletiva chi teniat una cadèntzia, una turnatzione setimanale.

Dae custu nois, ancora a dies de oe, naramus "chida" a sa simana.

E sa paràula "buiachesos" da in ue nde lompet?

Pensade: est unu calcu linguìsticu subra de su grecu bizantinu "eksoubitores" chi benit, de parte sua, dae su latinu "excubitor", faeddu chi cheret nàrrere "sos chi nch'istant a fora de su letu" e pro estensione, duncas, "sos chi dormint pagu e pesant chitzo".

Giai in s'edade giùliu-clàudia sos "excubitores" fiant sa bàrdia de s'imperadore. In s'era bizantina, imbetzes, sos ἐξκουβίτορες rapresentaiant s'élite de s'esèrtzitu bizantinu.

Artìculu de Antoni Flore



Condividi l'articolo: Condividi

Cerca

Seguici sui nostri canali

Festival Morròculas

morroculas

Translate

Con la cultura si possono fare grandi cose

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle ultime iniziative. Terms and Condition
Joomla Extensions powered by Joobi

Sardegna, terra unica: attrazioni da visitare

  • Basilica di San Gavino (Porto Torres)

    La Basilica di San Gavino è il monumento romanico più grande della Sardegna e l’unico esemplare progettato a due absidi affrontate. È una delle meraviglie del Romanico sardo e tra le più antiche,...

  • Museo Storico della Brigata Sassari (Sassari)

    Museo di storia militare ubicato al piano terra della caserma La Marmora, sorta nel sito dell'antico castello aragonese di Sassari. È stato realizzato per ricordare le gloriose tradizioni della...

  • San Pietro del Crocefisso - o delle Immagini (Bulzi)

    Risalente al secolo XII, in stile romanico, la chiesa è nota anche con il nome di San Pietro delle Immagini probabilmente per via di un gruppo ligneo duecentesco della Deposizione di Cristo dalla...

  • Museo deleddiano (Nuoro)

    Il museo è dedicato a Grazia Deledda, unica donna italiana ad avere ricevuto il premio Nobel per la letteratura, nel 1926, e ha sede nella sua casa natale di cui conserva mobili e cimeli. Manoscritti,...

  • Museo dell'Intreccio Mediterraneo (Castelsardo)

    Il Museo dell’Intreccio Mediterraneo, ospitato nelle sale del Castello dei Doria, è dedicato all'antica arte dell'intreccio. Tra le viuzze del borgo medievale, ancora oggi, è possibile vedere le...

Dal nostro archivio

Dae s'archiviu de s'ULS Meilogu

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Scarica Àndala App

Android apk download