Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Bacheca

S'Assòtziu culturale "Àndala noa" at ammaniadu su cuncursu "800 dies umpare".

Dae su 19 de austu a su 29 de cabudanni, totus sos interessados si nche devent iscrìere in su situ www.andalanoa.it e intrare in sa pàgina ufitziale de su cuncursu.

Si podent bìnchere sa malliedda ufitziale e sos gadget de s'Assòtziu.

Bona sorte a totus!

 

Si binchet ogni die (dae su lunis a sa domìniga, dae sas deghe de mangianu a sas bator de borta de die)

In antis de giogare, leghide su regulamentu

Allegati:
Scarica questo file (REGULAMENTU.pdf)REGULAMENTU.pdf55 kB

Il Museo della Cattedrale racconta la storia del colle di Sorres dalla preistoria sino alla fondazione del monastero benedettino, avvenuta negli anni '50 del '900.

All'interno del museo sono presenti otto piccole sezioni che approfondiscono i momenti più significativi della lunga storia di questo luogo.

Il percorso espositivo ha inizio con un inquadramento geografico del territorio. Seguono poi le sezioni dedicate ai bizantini in Sardegna, alla Diocesi di Sorres (nel periodo giudicale e in quello aragonese ), alla Cattedrale, con la storia del cantiere medievale e alla collezione numismatica. Le ultime tre sezioni del museo sono dedicate al periodo di abbandono del complesso medievale e della sua successiva rinascita. La sezione 6 è dedicata alla chiesa di S.Pietro tra il 1503 e il 1894 (lo spoglio e gli arredi sacri), la sezione 7 è dedicata a Sorres nel 1894 (con la storia del restauro) e, infine, la sezione 8 racconta l'arrivo dei monaci nel 1955.

Il museo è corredato di numerosi pannelli informativi in italiano con traduzione in lingua inglese e di brevi video, anche essi sottotitolati in lingua inglese, che illustrano le vicende storiche del territorio e dalla cattedrale.

 

 

Scarica Àndala App

Android apk download

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Seguici su Telegram

Ricevi le notifiche di andalanoa.it su Telegram

Unisciti al nostro canale Telegram e ricevi gli aggiornamenti di Andalanoa.it (Info)

In sardu deo? Semper, cada die, a fitianu!

“IN SARDU DEO? SEMPER, CADA DIE, A FITIANU!‟

Con la cultura si possono fare grandi cose

Translate