Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina

Nicola Dessì (archeologo) presenta “La preistoria della Sardegna: dalle origini all’età del rame” (edizioni Condaghes) al Festival Morròculas 2021

Banari (SS), 22 ottobre 2021. Il primo ospite del festival “Morròculas” 2021 è stato l’archeologo Nicola Dessì.

Nicola si è formato e specializzato nel settore della Preistoria e della Civiltà Nuragica presso l’Università degli Studi di Cagliari. Ha condotto e partecipato a scavi archeologici in Italia e all’estero, pubblicando diversi articoli a carattere scientifico e divulgativo. Specializzato nel settore dell’archeologia preventiva, lavora con società di ingegneria e architettura ed amministrazioni comunali. Collabora con numerosi istituti scolastici nell’ambito di laboratori di archeologia. Nella tappa di Banari di “Morròculas”, il festival della letteratura per bambini e ragazzi, Nicola ha presentato “La preistoria della Sardegna dal Paleolitico all'Età del rame”, il libro più divertente sulla Preistoria della Sardegna, illustrato da Antonello Angheleddu ed edito da Condaghes.

Ha dialogato con l'autore la seconda ospite del festival, Giuseppina Deligia, storica dell'arte, mamma e blogger... Giuseppina osserva, ascolta, scopre, scrive e racconta la sua Isola ai bambini. Contribuisce così a creare una nuova generazione di sardi più consapevole della propria storia e del proprio patrimonio culturale. Per sapere di più su Giuseppina e sulla sua “missione”, potete consultare il suo blog (e la sua pagina Facebook) bimboinspalla.com



Condividi l'articolo: Condividi