Ci teniamo alla tua privacy. Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e ricordare le tue preferenze. Maggiori info qui. Registrandoti o accedendo al sito accetti espressamente le norme sulla privacy riportate in questa pagina
Nois bi tenimus a sa privatesa tua. Impreamus sos cookie pro megiorare s’esperièntzia de navigatzione e sas preferèntzias tuas. Agatas prus informatziones inoghe. Marchende·ti o intrende in su situ atzetas sas normas in vigèntzia subra sa privatesa marcadas in custa pàgina



"Ragionare per radici" - lezione aperta su uno dei tanti "segreti" della lingua araba

Asrar al-lugha, i segreti della lingua. Così i grammatici arabi intitolavano spesso i loro studi sulla grammatica. In effetti, per fare propria una lingua occorre andare in profondità, scandagliare i fondali, scoprirne i segreti, arrivare alle radici.

RAGIONARE PER RADICI

 

Venerdì 28 febbraio, a svelare uno di questi segreti agli studenti del corso di lingua araba di Tempio Pausania, promosso dall’Associazione culturale “Àndala noa” e gentilmente ospitato dalla libreria Bardamù, sarà la professoressa Iolanda Guardi, docente universitaria e Presidente del Centro Stui ILA, a Milano.
La professoressa Guardi proporrà agli studenti un percorso didattico alla scoperta della lingua araba a partire dalle radici che formano le parole e che alle parole danno senso, in un sistema di relazioni.
Durante l'incontro gli studenti potranno anche conoscere meglio i tratti distintivi e le possibilità offerte dal Progetto ILA, a cui si deve la prima certificazione delle competenze linguistiche in lingua araba secondo i parametri del QCER.

Un progetto che già nel nome (ILA in arabo corrisponde alla preposizione italiana "verso") suggerisce un orizzonte a cui guardare, un percorso da intraprendere, una sentiero da seguire e nuovi passi da compiere. Verso la conoscenza della lingua araba, ovviamente.

Chi fosse interessato a partecipare all'incontro deve effettuare l'iscrizione contattando il numero 3402451012.



Condividi l'articolo: Condividi